Archivi tag: casa

ProfeZie Marzo 2013

Standard
ProfeZie Marzo 2013 di Onemarishow

ProfeZie Marzo 2013  di Onemarishow

ARIETE

Marzo: nell’aria si avverte la primavera, non ti resta che sorridere.

Salute: corsa mattutina tassativa se  vuoi andare al mare prima del previsto.

Amore: segnali di fumo da cogliere al volo.

Il consiglio del mese:

Prima di scoprire la caviglia consiglio una ceretta.

TORO

Marzo: Primavera alle porte, apri tutte le finestre.

Salute: sport sport e ancora sport, qualsiasi ma fallo.

L’amore: lanciare messaggi criptici non aiuta.

Il consiglio del mese:

Acquista delle scarpe possibilmente di un colore sgargiante.

GEMELLI 

Marzo: non senti la primavera perché continui ad indossare occhiali da sole.

Salute: umore altalenante, piangi se ne hai voglia.

Amore: accorciando le distanze potrebbero allungarsi i desideri.

Il consiglio del mese:

Girare su se stessi tre volte prima di parlare.

 

CANCRO

Marzo: nell’aria margherite primaverili, sono da ammirare non da raccogliere.

Salute: lunghe passeggiate all’aria aperta migliorano l’umore.

Amore: non si prevedono scossoni, ma solo se stai ferma.

Il consiglio del mese:

Sorridi ogni mattina appena arrivi davanti allo specchio.

LEONE

Marzo: primi soli primaverili regalano buon umore.

Salute: se non vuoi passare l’estate in tuta inizia a correre.

Amore: tutto va come previsto. Ma da chi?

Il consiglio del mese:

Saltella cinque volte ogni volta che tristezza ti coglie.

 

VERGINE

Marzo: primavera è sempre sinonimo di cambiamenti, stare pronti.

Salute: ancora naso chiuso… questa volta per le allergie.

Amore: passionali incontri, non puntare tutto confidando su occhi aperti.

Il consiglio del mese:

Ogni mattina versa due gocce di profumo di rosa dietro le ginocchia.

BILANCIA

Marzo: con la primavera iniziano le fioriture, non esagerare con l’acqua.

Salute: mangiare poco e muoversi tanto.

Amore: a letto o su un prato va sempre tutto bene.

Il consiglio del mese:

Tassativo indossare slip colorati.

SCORPIONE 

Marzo: primavera in arrivo e la vita gira al profumo di solari novità.

Salute: glutei e bicipiti chiedono giustizia.

Amore: amorevoli e instancabili.

Il consiglio del mese:

Lascia a casa la testa ogni volta che esci.

SAGITTARIO 

Marzo: primi caldi di primavera cominciano a riscaldare l’ambiente.

Salute: stai dritta quando cammini.

Amore:  il canto degli uccellini potrebbe risvegliare le voglie sopite.

Il consiglio del mese:

Insegui una libellula sul prato.

 

CAPRICORNO

Marzo: la primavera invita a vivere fuori casa, ricorda di pagare l’affitto.

Salute:  ancora un po’ di  impegno e forse potrai indossare i pantaloncini.

Amore: quando ti decidi, sappi che la passione è dietro l’angolo

Il consiglio del mese:

Bevi un bicchiere di acqua e limone tre volte al giorno.

ACQUARIO

Marzo:  non sempre una rondine fa primavera, ma tu sappi che sta per arrivare.

Salute: trasporta casse di acqua se vuoi indossare la canotta.

Amore: ancora per poco il tuo motto è “avanti un altro”

Il consiglio per prossimo mese:

Mastica con la bocca ben aperta quando mangi in compagnia.

PESCI

Marzo: primavera mattina e sera, attenzione a non invertire il senso.

Salute: addominali a ripetizione più volte al giorno.

Amore: volubile o sfuggente? bisogna decidere.

Il consiglio del mese:

Indossa calzini bucati, anche se nuovi.

di Onemarishow

Annunci

Una Ragazza Fantastica – Atto 13 –

Standard
di Onemarishow

di Onemarishow

Una Ragazza Fantastica – Atto 13 –

Lacrime copiose come neve
Eravamo rimasti: “Il breve percorso verso la porta di uscita mi sembra lunghissimo, i miei passi sembrano svelti e leggeri, ma non avanzo di un millimetro, in un’apparente fatica raggiungo la porta, la apro e sono fuori.”

Girato l’angolo perdo la forza e inizio a piangere, non riesco a trattenere le lacrime, non mi sforzo a fermarle. La gente, tra il curioso e preoccupato, più curioso però,  mi guarda. Non me ne curo.

Il mio incedere rallenta, le mie leggere scarpette si trasformano  in due blocchi di cemento armato, ogni passo è sempre più pesante. Sdoppiata, mi osservo mentre cammino, lo sguardo che cerca qualcosa e non trova nulla, perché non so cosa vorrei trovare.

Il corpo è sempre più pesante, tutto mi pesa, la borsa, la giacca, ho paura di cadere e mentre continuo a camminare ritorno in me e sento le lacrime che mi bagnano il viso. Non so se sto piangendo perché sono felice e perché da oggi tutto può succedere o se invece sono veramente triste, opto per un compromesso sono felice, ma delusa.

Sudo, le previsioni meteo avevano previsto neve ed in questo preciso istante sento caldo, caldissimo; mentre le lacrime scendono calme e copiose – al posto della neve – arrivo quasi a casa. Sono davanti al portone, sono stanchissima, ho la sensazione di aver scalato una montagna e invece ho camminato appena cinque minuti.

Cerco le chiavi per un bel po’ senza trovarle. Dentro la minuscola borsa le mie mani toccano vari oggetti che non riconosco, ho perso la sensibilità nelle dita. Infilo le mani, o quelle che penso essere mani, in tutte le tasche, nessuna traccia delle chiavi. Finalmente il portone si aspre, qualcuno esce, posso entrare. Salgo i cinque piani a piedi e la fatica, questa volte reale delle scale, mi fa tornare in me. Infilo la mano nella borsa e come per magia tiro fuori le chiavi di casa. Apro, entro, mi chiudo la porta alle spalle.

Mi siedo sul divano e continuo a piangere. Senza accorgermene mi addormento.

Al risveglio il viso sembra sia stato investito da un tir con rimorchio carico di metallo pesante, il segno delle lacrime andrà via, se mi va bene, tra una settimana. Il resto del corpo sembra più minuto, devo mangiare qualcosa, ma non ho fame.

Mi sento come se qualcuno mi avesse presa a botte per ore, o fossi rimasta a letto una settimana con la febbre a quaranta; Mi lavo la faccia con l’acqua fredda e senza asciugarmi mi riguardo allo specchio.

Vivo in una casa con un solo specchio, quello del bagno grandezza 59×59, fino ad oggi mi sono specchiata a metà, – come mai non mi sono mai comprata uno specchio per specchiarmi intera? Ci penso un po’, ma oggi la risposta proprio non ce l’ho. Esco dal bagno, guardo i piatti accumulati negli ultimi giorni e inizio a lavarli.

Mentre lavo sento l’acqua che mi scorre sulle mani, la sua temperatura, la sensazione della schiuma, la spugna da un lato ruvida e dall’altra morbidissima – questa spugna è come la vita un po’ morbida un po’ dura e ruvida, analizzo la consistenza dei bicchieri, irregolari e così delicati, i piatti qualcuno è un po’ sbeccato qua e là, dovrei sostituirli, le pentole, le posate e finalmente finisco e mi accorgo di stare meglio.

Per attimi molto lunghi resto in piedi a fissare il nulla. Tutto si è fermato oggi.

Poi squilla il telefono, un sms della mia amica. Vado da lei.

di Onemarishow

“Una Ragazza Fantastica” gli altri atti sono  qui

Vivere con 101 cose e tanto amore – parte prima –

Standard
Vivere con 101 cose di Onemarishow

Vivere con 101 cose di Onemarishow

 

Prendendo spunto dal suggerimento di Dave Bruno “Vivere Felici con 100 cose”  devo scrivere un elenco di 101 cose – si, ne ho aggiunto 1 in più,  perchè 100 sono veramente poche – in vista di un trasloco, un nuovo stile di vita, con l’amore di sempre!

Settembre mese intenso… per iniziare c’è, appunto, un trasloco in corso. Dai miei  20 mq, dove abito da sola passo a 45mq, ma da condividere in due… un affare starete pensando ed in effetti, contando i metri quadrati a far due conti e senza esser delle volpi in matematica non ci guadagno molto…

45mq diviso 2 fa esattamente 22,5mq, quindi 2,5 mq in più, che tradotte in… per esempio scarpe sono… vabbè lasciamo perdere…

… ma la matematica non è tutto… quando c’è l’amore, e nei nuovi mq in questione l’amore c’è, tanto, tantissimo ammmmore, almeno finché dura… ma è ovvio che durerà per sempre!

Torniamo al mese di Settembre;
Settembre… mese di rinnovamento si dice… e come dopo le feste di natale, anche dopo le vacanze estive – a settembre appunto – tutti hanno buoni propositi, ma come quelli del dopo natale… vanno a farsi fottere poco dopo… arrivando a giugno in crisi e grasse per la prova costume…
Di solito i buoni propositi sono sempre gli stessi per la maggior parte delle persone, nella top list svettano ai primi posti:
– dimagrire

– trovare un fidanzato/a, o cambiare quello/a che si ha

–  vincere una lotteria…

Semplici cose… essere magre ricche e fidanzate… e se poi si è anche, sempre, tristi, infelici, depresse e con idee suicide/omicide almeno una volta al giorno poco importa… basta cambiare il colore ai capelli e per le 3 ore successive, tempo di posa colore escluso,  finalmente ci si guarda allo specchio per farsi delle domande:
– mah, mi dona questo colore? forse era meglio più chiaro, o più scuro? o forse meglio se non facevo nulla… il mio colore naturale in fondo era bello a pensarci bene… e mi donava…

Dicevamo Settembre mese di cambiamenti e rinnovamenti… almeno per me… che non ho i soldi per cambiare colore ai capelli…

Ufficialmente devo dar inizio alla selezione di 101 cose, ma sono ferma all’elenco… ovvero come scriverlo? prendendo carta e calamaio o digitando freneticamente sul mio tablet colorato?
se a mano su che tipo di carta e che colore di inchiostro potrei usare?!
se con tablet lo faccio su word, excel, google doc, evernote…?

Davvero una scelta difficile… ed è solo l’inizio…ma una volta redatto il mio fantastico elenco… è fatta, mi metterò davanti all’armadio 8 ante con all’interno stipato l’impossibile…, poi prenderò di petto contenitori colmi di scarpe, molte paia indossate una sola volta, altre semplicemente esposte su qualche ripiano e dopo poco rimesse nella loro scatoletta per evitare che prendessero troppa polvere o perché venivano sostituite da new entry…

E poi libri, quaderni, collane, mille cappelli – la mia passione -, sciarpe, pennarelli, colori acrilici, pennelli, tele, smalti,  shampoo, creme di ogni genere e per ogni parte del corpo… alcune mai aperte… ma si sa, si compra sempre tutto … JUST IN CASE…
e poi ancora oggetti di cui ignoro l’uso e l’utilità… lo shopping compulsivo … meglio noto come “Must Have”, possibilmente tutto, eleva l’animo perché solo liberandosi dei propri “averi” si può ritrovare se stessi…

ma il buon proposito SHOW del mese di settembre è elevarmi ancor di più… dopo essermi liberata dei miei “averi” in euri… ora c’è il passo successivo… liberarmi di quasi tutto ciò che gli euri mi han permesso di comprare e traslocare portando con me SOLO 101 cose, di cui la 101esima sarà quella cosa che può esser sostituita ogni qualvolta mi verrà voglia di qualcosa di nuovo … ma per rendere tutto più difficile la 101esima cosa sarà una cosa ben definita, nel senso che potrò sostituire solo quella… le altre 100 restano fisse almeno fino a quando non si auto distruggeranno.

La sfida è aperta… l’elenco ancora no… e vorrei impegnarmi per non iniziare il mio elenco scrivendo come prima cosa  “lo spazzolino”… chissà perché quasi tutti dovendo fare un elenco di cose da portare, per esempio su un’isola deserta… iniziano dicendo lo spazzolino… certo molto utile, ma su un’isola deserta e da sola/o perché ti viene in mente lo spazzolino?!… ma ora non è un mio problema… io non mi devo trasferire su un’isola deserta… almeno non ora…

ELENCO delle 101 cose – bozza numero 1 – 

1. mmmmmh ….

2.

3.

4.

….

di Onemarishow